Vista la grave crisi in cui molte famiglie versano a causa della pandemia che da oltre un anno ha letteralmente fatto crollare le possibilità di avere un reddito sostenibile. E vista la grande attenzione che la Regione sta avendo per il mondo sportivo che a sua volta vede associazioni, società  ed enti in crisi per la mancata attività,  causa la chiusura imposta alle stesse dallo Stato.
Il tavolo Sport di Prato in Azione chiede che la Regione preveda un fondo da destinare all’assegnazione di un bonus di trecento euro agli Under 18 di famiglie meno abbienti, per poter frequentare corsi sportivi.
Le pratiche per ottenere il bonus dovrebbero essere redatte, salvaguardando la privacy dei soggetti,  direttamente dalle società sportive o associazioni alle quali i giovani decideranno di rivolgersi per frequentare i loro corsi. In questo modo il bonus rappresenterebbe un aiuto da una parte per  le società sportive, palestre, associazioni o enti, e dall’altra per i giovani che avendo difficoltà economiche in famiglia non potrebbero permetterseli.
Nelle settimane scorse la Regione, per voce del presidente Eugenio Giani ha già previsto importanti impegni finanziari per il mondo sportivo e questo  denota una grande sensibilità verso un settore che ha bisogno di aiuti consistenti per ripartire.   Nello specifico la  Regione Toscana ha annunciato lo stanziamento di un fondo pari a   1 milione 861 mila euro suddiviso in questo modo: 1 milione 561 mila euro a favore delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche, degli enti di promozione sportiva, delle federazioni e di tutte le altre associazioni o soggetti privati senza scopo di lucro a vocazione sportiva per la ripartenza delle attività e per la riapertura degli spazi sportivi e per altre spese connesse a favorire la continuità della pratica sportiva e l’organizzazione di eventi o manifestazioni; 100 mila euro per gli enti pubblici al fine di favorire la continuità della pratica sportiva e l’organizzazione di eventi o manifestazioni; 200 mila euro alle associazioni e alle società sportive che annoverano tra i propri tesserati atleti che potenzialmente prenderanno parte alle Olimpiadi o alle Paralimpiadi di Tokyo 2021. L’importo del contributo, con esclusione di quelli destinati alle associazioni sportive che annoverano tra le proprie fila atleti che potenzialmente prenderanno parte alle Olimpiadi o alle Paralimpiadi, non potrà essere superiore a 5 mila euro. In tutti i casi saranno finanziabili le spese dirette sostenute nell’anno 2021.
Inoltre la Regione si sarebbe mossa anche con circa 9 milioni di euro deliberati in larga parte destinati ai lavori di manutenzione degli impianti.

Negli attuali interventi della Regione si prendono in considerazione le società, le associazioni, le palestre, gli enti  e gli impianti sportivi ma non si prendono in considerazione gli atleti. Con questo bonus proposto da Azione, si coprirebbe anche questo aspetto della pratica sportiva ovvero quello di garantirla a chi, a causa anche della pandemia non potrebbe permettersela.
Tavolo provinciale Sport Prato
Pasquale Petrella

Recommended Posts